Maturità 2020, ecco cosa cambia! I dettagli

Ci sarà anche la traccia di Storia tra i temi proposti per la prossima Maturità, e verrà eliminato il sorteggio affidato ai candidati fra tre buste chiuse al momento dell’esame orale

Nell’Esame di Stato del giugno 2020 torna a essere obbligatorio un argomento storico nella prima prova scritta di Italiano.

Lo ha preannunciato il Ministro dell’Istruzione Fioramonti, in attesa dell’invio imminente, a tutti gli studenti, dell’apposita circolare che recepisce le nuove disposizioni.

Prova scritta: torna il tema di Storia

La Storia dovrà essere presente in una delle tre tracce della “tipologia B”, la tipologia che chiede agli studenti di analizzare e produrre un testo argomentativo e non sarà più la Commissione tecnica del MIUR che prepara le prove per la Maturità a poter scegliere se dare spazio all’ambito storico piuttosto che ad altri ambiti.

Colloquio: stop al sorteggio delle tre buste

È stato eliminato il sorteggio tra le tre buste chiuse contenenti i materiali (testi, documenti, esperienze, progetti e problemi) che il Presidente della Commissione proponeva ai candidati.

Il colloquio partirà, comunque, dall’analisi da parte dello studente dei materiali preparati dalla Commissione d’esame in un’apposita sessione di lavoro e proposti dal Presidente. Non sarà più il sorteggio a determinare la scelta dei materiali da somministrare a ciascun candidato per l’analisi che costituisce l’avvio del colloquio.

Categorie: Scuola