Scuola: 50 mila assunzioni con concorso nel 2020. Le novità

In virtù di una nuova legge appena approvata, arriveranno nuovi concorsi per la messa in ruolo di circa 50.000 docenti della scuola secondaria e una nuova selezione per gli insegnanti di religione cattolica

La legge approvata dal Senato, che ha convertito il decreto 126/2019 per la riduzione del precariato del personale scolastico e degli enti pubblici di ricerca, definisce:

  • i nuovi concorsi per i docenti (quasi 50 mila assunzioni): circa 24 mila i nuovi insegnanti che potranno salire in cattedra a partire dal prossimo anno scolastico con un concorso ordinario, più altrettante cattedre a disposizione con un concorso straordinario. Il bando per la scuola secondaria statale di I e di II grado è aperto agli insegnanti con almeno 36 mesi di servizio (a partire dall’anno scolastico 2008/2009). Al concorso, che sarà avviato contestualmente a quello ordinario, potranno partecipare per i posti di sostegno anche i docenti che stanno svolgendo il corso di specializzazione, oltre a quelli già specializzati. Previsto anche un concorso dedicato agli insegnanti di religione cattolica;
  • regole di continuità didattica: permanenza per 5 anni nella stessa sede di servizio dei docenti neo assunti. Per l’anno scolastico 2019/2020, ai diplomati magistrali destinatari di sentenze che comportano la decadenza dal ruolo, sarà garantita la permanenza in servizio sino al termine delle attività didattiche;
  • misure per i precari dell’università e della ricerca: aumenta, anche, da 6 a 9 anni la durata dell’Abilitazione Scientifica Nazionale.
Categorie: Scuola