Seggiolini anti-abbandono, facciamo chiarezza: ecco da quando sono obbligatori

Riepiloghiamo alcuni punti fondamentali relativi all’obbligo – scattato il 7 novembre 2019, ma con multe previste solo dal 6 marzo 2020 – per i bambini di età inferiore a 4 anni, di munirsi del dispositivo antiabbandono per il seggiolino in automobile

Lo scorso 7 novembre è entrato in vigore il regolamento di attuazione dell’articolo 172 del nuovo Codice della Strada che ha reso obbligatoria l’installazione a bordo dei veicoli di un dispositivo di allarme per prevenire l’abbandono in auto di bambini di età inferiore ai quattro anni.

Ma le multe non scatteranno prima del 6 marzo 2020, in virtù di un emendamento contenuto nella Manovra.

Il consiglio, quindi, è di acquistarli prima possibile, ma senza l’ansia di incappare in una contravvenzione immediata.

Come funzionano

L’allarme si attiva quando il conducente si allontana dal veicolo e può essere integrato nel seggiolino o indipendente dal sistema di ritenuta del bambino.

NB – i dispositivi non necessitano di omologazione ma devono essere accompagnati da un certificato di conformità rilasciato dal produttore (vedi Regolamento di attuazione).

Trenta euro di sconto

Ricordiamo che il Governo ha previsto un fondo, inserito nel Decreto Fiscale in corso di approvazione, per il riconoscimento di un contributo economico di 30 euro per ciascun dispositivo di allarme acquistato, pertanto è bene conservare le ricevute di acquisto.

Le sanzioni

Sono quelle previste dalla legge 117/2018 all’art.1 che ha modificato il codice della strada (art. 172).

Si tratta di multe dagli 83 ai 333 euro (che si riducono a 58 e 100 euro se si paga entro cinque giorni) con sottrazione di 5 punti dalla patente.

Se si commettono due infrazioni in 2 anni scatta la sospensione della patente da 15 gg a due mesi.